Home page



Home page > ADSL > Attivita' e Incontri > Abruzzo in Lombardia 2011
 
Prima pagina - ottimizzata per ADSL
Prima Pagina
?
Chi siamo
Biografia di Raffaele Mattioli
Raffaele Mattioli
- biografia -

Contattaci Contattaci
Novità e avvisi Novita' / Avvisi
Dove e quando ci incontreremo
Attivita' e incontri
Archivio fotografico
Archivio foto
Archivio video
Archivio video
Collegamenti ad altri siti
Collegamenti
Mappa del sito
Mappa del sito
 




III Edizione Abruzzo in Lombardia - Milano 11 marzo 2011









Piero Mazzocchetti
- tenore -

Si e' svolta a Milano l’11 marzo scorso, la terza edizione di “Abruzzo in Lombardia” e se si volesse cercare una frase che ben si adatta a questa manifestazione, ecco si potrebbe pensare ad una festa di popolo,forse proprio per la massiccia partecipazione di circa 1.800 persone, riunite al Teatro degli Arcimboldi.

La cosa piu' importante della serata, hanno  precisato Fabio Altitonante, Assessore Provinciale al Territorio  ed il presidente dell'associazione abruzzese e molisana " Raffaele Mattioli" Angelo Dell'Appennino, promotoi dell’evento, e' stato proprio il fatto di essere riusciti a ritrovarci in tantissimi, ma uno dei temi importanti della serata e' stata come sempre la solidarieta', che ha contraddistinto questa edizione.

Quest’anno l’incontro, e' stato occasione per continuare la raccolta fondi per il Parco della Memoria che sara' costruito a circa 200 metri dalla Casa dello Studente de L’Aquila, dove hanno perso la vita 27 universitari.
Come abruzzesi che vivono in Lombardia, prosegue Altitonante, questa e' diventata una priorita', anche perche' il parco e' un segnale per sperare e nel contempo non dimenticare la tragedia di due anni fa.

Su questo tema si e' soffermato anche il Presidente della Provincia di Milano, Guido Podesta', cogliendo l’occasione per ricordare le popolazioni colpite da sisma, che ancora oggi soffrono in tante parti del mondo, ultimo esempio il Giappone , duramente provato.

Lo spettacolo e' proseguito per tre ore, durante le quali il pubblico ha potuto gustare l’ironia di spazi comici, dedicati alle debolezze, manie e particolarita' della comunita' abruzzese. Naturalmente successo strepitoso raccolto dai cabarettisti abruzzesi Marko Ferrari e Vincenzo Olivieri, protagonisti di performance esilaranti sulle tipologie di personaggi che popolano la regione d’origine. Del resto si sa, e' una terra dove bastano pochi chilometri di distanza per individuare identita' diverse e lo sketch autobiografico di Marko Ferrari ha reso proprio l’idea.

Gli applausi riscossi sono stati inferiori solo a quelli di Piero Mazzocchetti, una voce di altri tempi che ha trascinato un pubblico non facile a sciogliersi.

La scorza dura fa parte del DNA abruzzese, come ha ricordato il Vicepresidente della Banca Popolare di Milano, Graziano Tarantini, premiato per lua carriera d’eccellenza realizzata in Lombardia. Ha ricordato la fierezza del popolo abruzzese, che mai si lamenta, tant’e' che da militare, ha sottolineato che non davano le licenze per visitare la mamma, poiche' i superiori erano a conoscenza del fatto che le mamme abruzzesi non si ammalano mai e se succede non lo dicono ai figli.

Tra gli altri premiati della serata, star dello sport come Giovanni Trapattoni e del cinema come Giuliano Gemma, quest’ultimo assieme al regista abruzzese Tonino Valerii con il quale ha girato tanti spaghetti-western.
Ma la premiazione piu' emozionante e' stata quella fatta al pugile Rocky Mattioli, ex campione del mondo di pugilato, che ha conquistato la platea per la vitalita' dimostrata.



Mirko
- attore cabarettista -


Vincenzo Olivieri
"Sciomen"